Seleziona una pagina

Qualche giorno fa ricevo una mail dallo store online di Eataly nella quale mi vengono offerti un sconto del 10% e la spedizione gratuita dei prodotti come risarcimento per la lentezza delle operazioni di acquisto durante il Black Friday (il 25 novembre scorso) e il Cyber Monday (il lunedì successivo), denunciate da alcuni altri clienti e accertate dallo store.

La mail ha un tono formale ma molto cortese ed è firmata dalla CRM & Customer Experience Specialist.eataly

Nell’insieme, anche se non ero stata toccata dai malfunzionamenti, l’ho trovato un modo efficace per reagire ad una crisi aziendale: il riconoscimento di un errore e la successiva iniziativa per ripararlo sono buone soluzioni per le situazioni critiche.
Certo, se ci sono stati dei malfunzionamenti, bisogna quantomeno pensare che i server non fossero abbastanza potenti in relazione alla richieste.
E dunque l’offerta non è stata capace di rispondere alla domanda, decisamente superiore ai mezzi tecnici adottati da chi fa e-commerce.

Non ho trovato statistiche che mi sembrassero attendibili – con i sondaggi sono molto attenta – su come sia andato il Black Friday in Italia in termini di vendite.
Ma ci sono dei dati veramente sorprendenti che arrivano dagli USA riguardo agli acquisti online: li ha pubblicati ComScore, multinazionale della misurazione sul digitale.
Secondo le stime di ComScore, nel solo Black Friday sono stati spesi 2 miliardi e 700 milioni di dollari nell’e-commerce in USA.
Non solo: durante il Black Friday l’incremento di spesa attraverso l’e-commerce è stato del 24% rispetto all’anno precedente.
Da quale device crescono maggiormente le spese? Da mobile, ovviamente.
Oggi gli acquisti da mobile sono inferiori per valore a quelli da desktop – 800 milioni di dollari rispetto ai 2 miliardi nel Black Friday, pari al 40% del totale – ma se procedono a questo ritmo di incremento ci vorrà poco a raggiungere il desktop.
Difatti, rispetto al 2015, le spese da mobile sono cresciute di 250 milioni di dollari.
Le tendenze per il prossimo futuro sono nettissime: l’e-commerce cresce a ritmi da due cifre e ancor più crescono gli acquisti da mobile.
Chi vuole cimentarsi in questo campo, anche in Italia – fatte le dovute proporzioni – è avvisato.